loading EBT..

29/11/2016

5 Anni di EBT- La Rete delle Eccellenze Torinesi

Durante l’incontro sono state ripercorse le varie iniziative realizzate nel corso dei cinque anni di attività della Rete a livello nazionale ed internazionale;

Paolo Pininfarina, Presidente di EBT evidenzia che "il bilancio di questi cinque anni di attività è ampiamente positivo, malgrado il periodo sia stato caratterizzato da forti turbolenze che hanno negativamente condizionato l’andamento degli scambi internazionali. Nel quinquennio, il fatturato complessivo delle aziende che compongono la Rete è infatti cresciuto del 15%, passando dai 75 milioni del 2011 agli 86 del 2015. E l’export totale è cresciuto dagli iniziali 38 milioni ai 44 di fine periodo con una performance pari a +16%. Anche gli addetti risultano in aumento: dai 306 iniziali si passa infatti a fine periodo a 350 unità, con un aumento del 14%”.

La Rete EBT, oltre a buone performance economiche, dispone anche di una solida rete di presenze internazionali. Complessivamente la Rete risulta essere presente in 62 Paesi con 56 sedi​. 

A fronte di questa considerevole proiezione internazionale, il Presidente Pininfarina osserva tuttavia che “il baricentro resta ancora fortemente orientato sull’Europa con una presenza in 38 Paesi, 32 sedi e 14 Head Quarters. Segue l’Asia con 17 Paesi ed 8 sedi”.

Guardando al futuro, Paolo Pininfarina sottolinea: “la necessità di rafforzare l’attività internazionale verso quei Paesi –in particolare Stati Uniti, Emirati Arabi ed Australia – nei quali è maggiore la sensibilità e l’apprezzamento nei confronti del prodotto italiano contraddistinto da qualità e raffinato design”. Inoltre il Presidente ha osservato che “essendo la rete composta da aziende che lavorano in nicchie di mercato del lusso molto differenti fra loro, essa sconta un’oggettiva difficoltà nel mettere a punto efficaci azioni comuni di marketing. Al contrario trova sul piano della comunicazione e della promozione del nostro territorio all’estero la sua naturale vocazione, assolvendo anche ad un compito importantissimo da condividere e coordinare con tutti i soggetti preposti a tale funzione”.

Torna indietro